Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

TEDxPescara, è partita da qui una nuova linfa culturale per la nostra regione

La seconda edizione di questo format Usa ha visto sul palco 13 speaker provenienti da tutta Italia che hanno portato "il loro" fattore umano

A cura della redazione

Arredi urbani fatti di plastica riciclata rimodellata con la stampa 3D per cominciare quella “rivoluzione” culturale e salvare i nostri oceani e il nostro pianeta; 200mila euro a fondo perduto messi a disposizione dall’Europa con il Ledger Project per promuovere una tecnologia etica in una società in cui, inconsapevoli e sempre attaccati ai nostri smartphone, ci lasciamo influenzare da algoritmi che condizionano le nostre scelte e, nei casi peggiori, diventano la nostra “casa” virtuale dove fomentare il nostro odio trasformandoci in hater verso personaggi pubblici, diversità e così via. Il “Fattore Umano” è ancora presente nella tecnologia? Sì e il TEDx è stata l’occasione per ricordarcelo. Quella di sabato all’Auditorium Flaiano, che ha registrato il tutto esaurito, è stata un’edizione di emozioni, carica di ispirazione e riflessione, ma anche di concretezza e possibilità.

E che il fattore umano sia ancora una discriminante ce lo ha spiegato Francesco Puzello, Additive Manufacturing Specialist, che domani sarà ai Laboratori del Gran Sasso con le personalità più importanti al mondo del settore 3D per parlare di una tecnologia che può davvero cambiare la nostra vita e che nella sua di scienziato è entrata quando, facendo kyte surf in Adriatico si è imbattuto in 20 tartarughe arenate in spiaggia, morte, avvolte all’esterno e l’interno di plastica. Ce lo ha spiegato anche l’ethic hacker Denis “Jaromil” Roio spiegandoci prima quanto gli algoritmi tecnologici ci condizionino e come, in realtà, dietro di essi ci siano sempre degli uomini e che tra questi uomini che spingono sempre più il mondo verso una tecnocrazia, ce ne sono altri, con le medesime capacità, che lavorano per rendere la tecnologia a noi più comprensibile, perché in fondo il passaggio che manca è proprio quello della consapevolezza. Un ethic hacker che collabora con l’Unione Europea e che è riuscito a far sì che l’Europa abbracciasse una politica etica della tecnologia mettendo a disposizione fondi a quei giovani che vogliono promuovere progetti che orientino anche i mercati verso la Blockchain, una tecnologia costruita sul linguaggio umano, criptato, e praticamente impossibile da falsificare.

Ma il TEDx è stata anche l’occasione per parlare del valore umano all’interno delle aziende in una società dove metà del mondo sfrutta, discrimina giovani e donne, sottopaga e impedisce una reale crescita del potenziale umano, a fronte di una piccola parte che ha già iniziato una rivoluzione possibile attraverso la semplificazione della comunicazione, una rivisitazione degli obiettivi che non possono essere di mera produttività e, ancor prima, la capacità di mettersi sempre in discussione come accaduto a Roberto Santori, CEO Challenge Network e Presidente consulenza e formazione Unindustria che ha visto decollare la sua azienda dopo la nascita del figlio quando, finalmente, ha deciso di delegare, di fidarsi dei suoi collaboratori comprendendo l’importanza di quel “tempo libero” che per ogni uomo è un elemento fondamentale. 

Sono stati 13 gli speaker sul palco del TEDx e tutti hanno strappato applausi, qualcuno risate, altri consenso, altri ancora lacrime. Si è parlato di viaggi e food con il giornalista enogastronomico Giovanni Angelucci; di sostenibilità, di inclusione, di trasformazione digitale, di food, ma anche di diversità con Martina Fuga, di BIAS con Laura Fedeli, ed infine di haters con una Stella Pulpo, autrice di “Memorie di una vagina” che ha chiuso con un vero exploit di rivendicazione della femminilità, in questo TEDx che è proseguito all’esterno dell’Auditorium con il dibattito nato, sui temi, tra i presenti e gli stessi speaker. La dimostrazione che le rivoluzioni, quelle culturali, sono possibili se si ha il coraggio di proporre idee e trasformarle in gesti concreti.

Continua a leggere in Focus...

Il team abruzzese Daygo Sublimondo trionfa nel Trofeo Motoestate di Parma

Soddisfatti il pilota in sella alla Daygo M4r Gian Paolo Di Vittori e lo sponsor pescarese...

Continua a leggere...

Rifiuti Zero Abruzzo, Legambiente e INPS puliscono Teramo

"Puliamo il mondo", i cittadini teramani si danno appuntamento per ripulire la città tra impegno...

Continua a leggere...

FlixBus festeggia quattro anni a Pescara

Bilancio più che positivo con le prenotazioni aumentate del 65% solo nell’ultimo anno

Continua a leggere...
Cover Story Cover Story

Mercadante Truck, la forza di una famiglia da 92 anni

Scopri di più...
ABRUZZO IMPRESA è il portale online che racconta quotidianamente il mondo dell'imprenditoria abruzzese. Questa testata giornalistica nasce nel 2006 in versione cartacea con lo scopo di raccontare attraverso interviste e approfondimenti l'economia abruzzese. Il vero grande valore aggiunto di questa nuova scelta editoriale è la Web Tv di ABRUZZO IMPRESA che permette ad imprenditori e manager di esporre le loro storie. I canali Facebook, Instagram e Linkedin sono lo strumento di espansione del sito ufficiale che vede nell'ipertestualità una importante via di sviluppo.
Fabio De Vincentiis
Editore
Eleonora Lopes
Direttore Responsabile
Gianluigi Tiberi
Coordinatore web-tv
La Redazione