Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Cantina La Quercia, una storia di amicizia, passione e territorio

L’azienda agricola si trova a Morro d’Oro nelle colline teramane ed è stata rilevata nel 2000 da quattro amici. Tra i vitigni che più rappresentativi c’è sicuramente il Montonico

di Eleonora Lopes

Una storia di amicizia, passione e territorio, è così che nasce l’azienda Agricola La Quercia situata a Morro d’Oro nelle colline teramane. Rilevata nel 2000 da quattro amici che sul finire degli anni ottanta si erano trovati casualmente colleghi di lavoro in questo settore, si tratta di: Elisabetta Di Berardino, responsabile amministrativo, l’enologo Antonio Lamona, l’enotecnico Fabio Pedicone e infine, ultimo ad arrivare nel gruppo, Luca Moretti, responsabile tecnico e commerciale. Insieme lavorarono fino al 2000 quando decisero di rilevare l’azienda agricola La Quercia, con la quale avevano già collaborato in qualità di consulenti.

Più che quattro soci, loro si definiscono componenti di una famiglia che spinti dalla passione per il vino si impegnano ogni giorno in cantina per lo stesso progetto: realizzare un buon vino nel rispetto dell’ambiente e del consumatore.

Oggi la cantina si estende sui 54 ettari, con una produzione di circa 350mila bottiglie.

Accanto ai quattro fondatori c’è anche un gruppo di giovani leve che li affianca nel lavoro, tra questi: Eleonora Palusci figlia di Elisabetta in amministrazione, Federica Sacchetti, aiuto enologo, Emanuele Scarpone, altro aiuto enologo e Fabio Piccari che si occupa del commerciale e della comunicazione. Abbiamo sentito Fabio per farci raccontare gli ultimi progetti.

Fabio, 36 anni, nipote di Elisabetta, entra in azienda nel 2010, oggi è responsabile commerciale, comunicazione e organizzatore di varie degustazioni. “Mi ero iscritto alla Facoltà di Scienze bancarie a Teramo, - ci racconta Fabio - avrei dovuto proseguire il lavoro nello studio commerciale di mia madre ma nel 2008 andai al Vinitaly per la prima volta e rimasi affascinato da questo mondo. A mia zia serviva un aiuto in azienda e così iniziai a compiere i primi passi chiudendo la mia parentesi universitaria. Mi sono formato sul campo all’inizio facendo un po’ tutto fino a ricoprire il ruolo di commerciale”.

La crescita in questi quasi 24 anni è stata sempre costante e la cantina è stata capace di rinnovarsi seguendo l’evoluzione del gusto dei consumatori e del mercato. “Era necessario crescere commercialmente per divulgare il nostro vino fuori i confini nazionali – ci spiega Fabio- Attualmente vendiamo in Canada, Stati Uniti, Nord e Centro Europa, Gaippone, ci attestiamo sul 70% estero e 30% Italia”.

Il Montepulciano d’Abruzzo, vitigno simbolo di questa regione, è stato per tanti anni il vino di punta della cantina, anche grazie alla Docg Colline Teramane, ma oggi La Quercia produce anche: Trebbiano, Pecorino, Passerina e Montonico, puntando solo sui vitigni autoctoni.

“Teniamo molto al Montonico, - racconta Fabio che tra l’altro proviene proprio da Bisenti - siamo i più grandi produttori di questo vino in Abruzzo, nella zona di origine, Bisenti e Cermignano, è il nostro vitigno identificativo. Produrre Montonico significa per noi rispettare l’origine dalla quale proviene questo vitigno antichissimo. Portare nel bicchiere delle persone il terroir Montonico, è un gesto prima di tutto di rispetto della nostra tradizione e della nostra cultura”.

La cantina crede fortemente che nei prossimi anni ci sarà una crescita esponenziale di questo vitigno e sarà necessario investire in questo territorio che possiede l’unicità di queste uve.

Oggi a La Quercia, dove si lavorano anche 10 ettari di uliveto, sono impiegate circa 22 risorse, la filosofia che li contraddistingue è il rispetto dell’ambiente che li circonda e la produzione di un vino fatto di passione ed esperienza. L’attività dell’azienda è infatti improntata sul prendersi cura della natura che è fondamentale per ottenere un buon prodotto che rispetti la salute dell’uomo.

“In merito alle tecniche di vinificazione – spiega Fabio - durante la lavorazione il prodotto viene trattato il meno possibile affinché nel bicchiere si possano ritrovare tutti i profumi di questo territorio. Alla base ci sono qualità e tipicità del prodotto che consentono l’identificazione del vino e della terra d’origine”.

Altro elemento guida per La Quercia è l’attenzione alla sostenibilità. “Portiamo avanti vari studi –dice Fabio- per essere sempre più sostenibili puntando su un continuo aggiornamento anche sull’innovazione dei macchinari. Per questo 2024 c’è in progetto l’ampliamento della sede con un magazzino che ci permetterebbe di raggiungere l’obiettivo di avere una filiera completa ed essere autonomi al 100%”.

Altro elemento che ha sempre contraddistinto la cantina è la scelta delle etichette dal carattere definito e dalla personalità autentica come il contenuto dei vini.

“La nostra mission è cercare di creare –conclude Fabio- vini eccezionali che riflettano le caratteristiche uniche del nostro terroir, questo è cantina La Quercia”.

 

 

 

Continua a leggere in Focus...

Chieti, per i detenuti del carcere di Madonna del Freddo inizia una nuova vita

I risultati dell’iniziativa “In & Out the jail”, lanciata nel 2022 dall’Organismo di...

Continua a leggere...

Toccaferro, dai sapori abruzzesi della nonna al format gastronomico di successo nazionale

Ultimo progetto dell’inarrestabile Daniele Capperi è il Palazzo Toccaferro. Verrà aperto in...

Continua a leggere...

Vigneto Sicuro: è abruzzese l’App che difende i vigneti da peronospora e oidio

La startup abruzzese Trace Technologies ideatrice di Vigneto Sicuro raccoglie capitali, cresce e...

Continua a leggere...
ABRUZZO IMPRESA è il portale online che racconta quotidianamente il mondo dell'imprenditoria abruzzese. Questa testata giornalistica nasce nel 2006 in versione cartacea con lo scopo di raccontare attraverso interviste e approfondimenti l'economia abruzzese. Il vero grande valore aggiunto di questa nuova scelta editoriale è la Web Tv di ABRUZZO IMPRESA che permette ad imprenditori e manager di esporre le loro storie. I canali Facebook, Instagram e Linkedin sono lo strumento di espansione del sito ufficiale che vede nell'ipertestualità una importante via di sviluppo.
Fabio De Vincentiis
Editore
Eleonora Lopes
Direttore Responsabile
Gianluigi Tiberi
Coordinatore web-tv
La Redazione