Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Al Molikè di Giulianova parte la nuova avventura della famiglia D’Angelo, il ristorante fine dining

Da più di 20 anni il Molikè è un punto di riferimento in Abruzzo per gli eventi e per le cerimonie. Dal 4 di dicembre lo sarà anche per la ristorazione grazie all’ingresso del giovanissimo chef Genya Malafronte e per l’accoglienza con le camere

di Eleonora Lopes

È la famiglia e i valori più belli che ne derivano il cuore di questa storia. Parliamo della famiglia D’Angelo, che ha investito a Giulianova negli anni ‘70 con il ristorante L’Ancora al quale si è aggiunto nel 2001 il Molikè. Oggi alla guida delle attività ci sono i fratelli Gianpiero, Gianluca e Gianpaolo D’Angelo.

Il Moliké, storica location di Giulianova risalente al XIX secolo che ha ospitato per tanti anni eventi e banchetti, ha deciso di cambiare volto e puntare su una ristrutturazione interna con l’ingresso di 10 camere e di uno spazio di alta ristorazione. La cucina del nuovo ristorante fine dining è affidata al giovanissimo chef di 24 anni Genya Malafronte. L’apertura ufficiale è prevista per il 4 dicembre.

“Nel ‘91 i nostri genitori – racconta Gianpiero- acquistarono questa struttura del 1851, la ristrutturarono nella parte esterna in particolare e nel 2004 iniziammo con le serate. Nel 2011 partimmo anche con i banchetti e le cerimonie ed oggi dopo quasi 20 anni abbiamo deciso di investire anche in questo progetto di alta ristorazione e di accoglienza”. Nel 1977 i genitori dei tre ragazzi aprirono il ristorante di pesce L’Ancora a Giulianova, che divenne negli anni un punto di riferimento per la città dove ancora oggi cucina la nonna Nicolina di 93 anni.

Il progetto Molikè non è solo di ristorazione ma è soprattutto un progetto di accoglienza e di design che prevede: 5 suite, 3 camere deluxe e 2 standard, arredate con eleganza e stile e perfettamente inserite nel contrasto antico/moderno.

Ma torniamo allo chef. Mamma russa e papà campano, dopo gli studi all’alberghiero Crocetti di Giulianova Genya ha trascorso a due stagioni in costiera amalfitana dallo zio Luigi Malafronte. Finita l’esperienza partenopea si avvicina alla cucina gourmet del "D.One" di Montepagano (TE) dove rimane per quasi due anni. Gli ultimi cinque anni li ha trascorsi al ristorante 3 stelle Michelin La Pergola di Heinz Beck dove ha fatto tutto il percorso fino a diventare junior sous chef. “A giugno ho intrapreso questa nuova avventura, - ci dice Genya- le nostre famiglie si conoscono da sempre”. Il papà Nicola, esperto prof. dell’alberghiero sarà in sala a raccontare i piatti creati dal figlio.

“La struttura meritava – aggiunge Gianpaolo D’Angelo- uno chef di ricerca e sensibilità come Genya e così abbiamo deciso di tuffarci in questo progetto di certo non semplice”.

Quella del Molikè è una cucina contemporanea, ricca di sapori ed elegante nella presentazione. L’Abruzzo si ritrova nell’ispirazione dei piatti ma soprattutto nella scelta dei prodotti. L’elemento natura è presente in tutta la filosofia dello chef così come nel verde e nella vegetazione che circonda tutta la struttura. “La mia è quasi una denuncia, - spiega lo chef- l’uomo è inconsapevole di ciò che ha e molto spesso non rispetta Madre Natura, da questa riflessione è nato ad esempio il piatto “Cuore Verde” che ne è l’emblema, noi siamo ciò che mangiamo” conclude, prendendo in prestito la frase del filosofo Ludwig Feuerbach.

“Il piatto che più mi rappresenta al momento – continua Genya- è “Ricciola, mela e sedano” con il piatto di cera d’api che rilascia un profumo intenso e dà valore al ruolo delle api nella natura. La mia missione è quella di scoprire ogni giorno un pezzo nuovo della nostra splendida regione e raccontarlo in cucina”.

Molta cura è stata posta anche nella scelta dei produttori. “Cerchiamo di lavorare con aziende locali – spiegano i fratelli- con le quali facciamo rete, Podere Francesco ne è un esempio che ci realizza un mosto cotto per noi”.

Lo chef per alcuni lavori sulla fermentazione degli ingredienti prende spunto anche dalle tradizioni del suo paese, l’Ucraina dove questo processo è molto utilizzato.

“Il Molikè è un country house, immerso nella campagna di Giulianova, - dice Gianpaolo- a due passi dal mare e dalla montagna. Lo riteniamo un luogo ideale per i turisti che cercano l’attenzione e la cura dei dettagli”.

“Abbiamo sicuramente alzato l’asticella – continuano i fratelli- ma crediamo in questa regione e nel suo turismo che non è legato solo al mare. Quello che offriamo qui è far vivere un’esperienza unica tra cibo, natura e design”.

“Dal 4 dicembre saremo aperti – concludono- tutte le sere dal giovedì al sabato e la domenica a pranzo. Tutti i nostri collaboratori ci teniamo a dire che fanno un turno solo, un discorso etico sulla ristorazione al quale crediamo molto, e nei giorni di chiusura ne approfitteremo per andare a trovare i nostri amici produttori”.

Un progetto coraggioso e ambizioso quello dei fratelli D’Angelo ai quali facciamo un grande in bocca al lupo.

Continua a leggere in Focus...

Chieti, per i detenuti del carcere di Madonna del Freddo inizia una nuova vita

I risultati dell’iniziativa “In & Out the jail”, lanciata nel 2022 dall’Organismo di...

Continua a leggere...

Toccaferro, dai sapori abruzzesi della nonna al format gastronomico di successo nazionale

Ultimo progetto dell’inarrestabile Daniele Capperi è il Palazzo Toccaferro. Verrà aperto in...

Continua a leggere...

Cantina La Quercia, una storia di amicizia, passione e territorio

L’azienda agricola si trova a Morro d’Oro nelle colline teramane ed è stata rilevata nel...

Continua a leggere...
ABRUZZO IMPRESA è il portale online che racconta quotidianamente il mondo dell'imprenditoria abruzzese. Questa testata giornalistica nasce nel 2006 in versione cartacea con lo scopo di raccontare attraverso interviste e approfondimenti l'economia abruzzese. Il vero grande valore aggiunto di questa nuova scelta editoriale è la Web Tv di ABRUZZO IMPRESA che permette ad imprenditori e manager di esporre le loro storie. I canali Facebook, Instagram e Linkedin sono lo strumento di espansione del sito ufficiale che vede nell'ipertestualità una importante via di sviluppo.
Fabio De Vincentiis
Editore
Eleonora Lopes
Direttore Responsabile
Gianluigi Tiberi
Coordinatore web-tv
La Redazione