Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Gabriele Gravina eletto alla presidenza della Figc

L’imprenditore, già presidente della Lega Pro, famoso anche per il miracolo del Castel di Sangro, è stato eletto alla prima votazione dall'assemblea della Federcalcio, riunitasi ieri a Roma, col 97,20% dei voti

di Eleonora Lopes

Per tutti gli abruzzesi il nome Gravina è legato al miracolo del Castel di Sangro che negli anni ’90, sotto la sua presidenza, passò dalle categorie dilettantistiche alla Serie B. Un traguardo che sembrava impensabile per un team che rappresentava una cittadina di neppure 6.000 abitanti.

Oggi l’imprenditore di origini pugliesi ha raggiunto un altro traguardo da record, diventando col 97,20% dei voti il nuovo presidente della federazione giuoco calcio (Figc).

Un lungo applauso della sala ha accompagnato ieri a Roma il momento della proclamazione. «Devo ringraziare tutti per il supporto e il sostegno. Il progetto da molti è stato definito ambizioso bisogna sognare ma anche credere. Il calcio italiano non può più aspettare, quindi ripartiamo insieme» queste le prime parole del neo presidente.

Classe 1953, nato a Castellaneta, Gabriele studia dai Dehodiani, si laurea in Giurisprudenza a Napoli e arriva in Abruzzo per amore. Nel 1979 nasce l’azienda a Castel di Sangro che diventa negli anni un colosso nel campo dell’edilizia. Il Gruppo Gravina opera in diversi settori dell’imprenditoria pubblica e privata. Oggi l’impresa, che si articola in diverse società ed è molto attiva anche negli appalti all’estero, ha  6 sedi: Roma, Castel di Sangro, Milano, L’Aquila, Pescara e Tolentino.

Accanto al presidente Gravina, alla guida dell’azienda, ci sono i suoi due figli, Francesco e Leonardo dei quali il papà è orgogliosissimo e che l’hanno già reso nonno. Ma come dicevamo, Gravina è un uomo dello sport e un capitano d’impresa impegnato in vari fronti. Ha ricoperto incarichi in cda di diversi istituti bancari, è stato docente di Economia Aziendale all’Università di Teramo, membro del consiglio federale e capo delegazione della nazionale under 21, ad Federcalcio srl. E’ stato capo delegazione della squadra olimpica ad Atene 2004 e a Pechino 2009. Nel 2015 è diventa presidente della Lega Italiana Calcio Professionistico.

A nome di tutta la redazione di Abruzzo Impresa, che ha avuto il piacere di intervistarlo più volte, un grande augurio per questa nuova avventura.

 

Continua a leggere in Storie & Persone...

Cgil Abruzzo e Molise, eletta la segreteria

La nomina di Rita Innocenzi e Franco Spina conclude l’accorpamento dei due sindacati regionali

Continua a leggere...

Tonino Verna riconfermato presidente di Cantina Tollo

Le parole di Verna: “Continueremo a lavorare per incrementare la nostra presenza sul mercato...

Continua a leggere...

Oscar Green 2018: proclamati a Chieti i vincitori abruzzesi

Il concorso sull’innovazione promosso da Coldiretti Giovani Impresa che, nella selezione...

Continua a leggere...
Cover Story Cover Story

Mercadante Truck, la forza di una famiglia da 92 anni

Scopri di più...