Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Unione Europea, Abruzzo in crescita per innovazione

Secondo il Quadro europeo di valutazione dell'innovazione 2019 l'Abruzzo è la prima regione italiana cresciuta maggiormente negli ultimi 8 anni

a cura della redazione

Sempre più innovazione in Abruzzo. A dirlo è il Quadro europeo di valutazione dell'innovazione 2019 che attraverso un sistema complesso di punteggi ha individuato Abruzzo, Basilicata e Marche come le prime 3 regioni italiane che negli ultimi 8 anni sono cresciute maggiormente dal punto di vista dell'innovazione. Il report analizza le performance delle circa 240 regioni dell'Unione e di quelle di Norvegia, Serbia e Svizzera.

L'Italia è diciottesima su 28 Paesi dell'Unione Europea ed è considerata un "innovatore moderato", categoria alla quale appartengono anche tutte le sue regioni salvo il Friuli Venezia Giulia, unico "innovatore forte".

Secondo i dati emersi nel quadro, sono stati registrati progressi rispetto al 2011, con un aumento delle performance di tutte le 21 regioni e province autonome italiane.

Fra queste spiccano l'Abruzzo con un incremento del 15,3%. La seguono la Basilicata (+15%) e le Marche (+12,9%), migliorate a un ritmo doppio rispetto al Friuli Venezia Giulia, primo della classe (+7,7%) nonostante nel ranking europeo siano ancora rispettivamente in 156ma, 169ma e e 128ma posizione.

Le tre regioni sono addirittura fra le prime 30 in Europa per quanto riguarda la percentuale di fatturato delle Pmi derivante dall'immissione sul mercato di nuovi prodotti. Le Marche, poi, sono seste per numero di domande di registrazione per disegni e modelli presentate all'Ufficio Ue per la proprietà intellettuale (Euipo) rispetto al Pil regionale, e trentaduesime per richieste di registrazioni di marchi. Non solo, la regione è trentacinquesima per numero di Pmi che fanno innovazione "in-house". Un buon piazzamento in Europa lo ottiene anche la Basilicata nella speciale categoria dedicata alla spesa per le Pmi in settori innovativi non legati a ricerca e sviluppo, dove risulta al ventottesimo posto.

 

Il Quadro di valutazione dell'innovazione regionale (RIS)

E' un'estensione regionale del quadro di valutazione dell'innovazione europeo, che valuta le prestazioni dell'innovazione delle regioni europee su un numero limitato di indicatori.

La RIS 2019 copre 238 regioni in 23 paesi dell'UE, Norvegia, Serbia e Svizzera. Inoltre, Cipro, Estonia, Lettonia, Lussemburgo e Malta sono incluse a livello nazionale.

Si tratta di una valutazione comparativa dell'innovazione regionale basata sulla metodologia europea del Quadro di valutazione dell'innovazione, utilizzando 18 dei 27 indicatori di quest'ultimo.

La regione più innovativa dell'UE è Helsinki-Uusimaa, in Finlandia, seguita da Stoccolma, Svezia e Hovedstaden, Danimarca. L'area più innovativa in Europa è Zϋrich in Svizzera. Alcuni hub regionali innovativi esistono anche nei paesi moderati dell'innovazione: Praga, Creta e Friuli-Venezia Giulia in Italia.

 

Continua a leggere in Primo Piano...

Politiche per lo sviluppo economico, all'Aquila fondi per l'imprenditoria under 30

Il Comune dell'Aquila stanzia un contributo a fondo perduto per i giovani che avvieranno...

Continua a leggere...

Musiké, il vino si affina in musica

Il maestro Beppe Vessicchio e il ceo di Rosarubra Iacobone hanno creato Sesto Armonico, due vini...

Continua a leggere...

PASTORI IN ESTINZIONE, A RISCHIO IL SIMBOLO DELLA TRADIZIONE D’ABRUZZO

Più di 200 allevatori presenti al convegno organizzato a Teramo da Coldiretti Abruzzo

Continua a leggere...
Cover Story Cover Story

Mercadante Truck, la forza di una famiglia da 92 anni

Scopri di più...
ABRUZZO IMPRESA è il portale online che racconta quotidianamente il mondo dell'imprenditoria abruzzese. Questa testata giornalistica nasce nel 2006 in versione cartacea con lo scopo di raccontare attraverso interviste e approfondimenti l'economia abruzzese. Il vero grande valore aggiunto di questa nuova scelta editoriale è la Web Tv di ABRUZZO IMPRESA che permette ad imprenditori e manager di esporre le loro storie. I canali Facebook, Instagram e Linkedin sono lo strumento di espansione del sito ufficiale che vede nell'ipertestualità una importante via di sviluppo.
Fabio De Vincentiis
Editore
Eleonora Lopes
Direttore Responsabile
Gianluigi Tiberi
Coordinatore web-tv
La Redazione