Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Il nuovo spettacolo dei "Teatri Offesi" di Pescara in giro per l'Europa

I "Teatri Offesi" sono insieme dal 1999 con l'obiettivo di condurre il Teatro fuori dai teatri, di liberarlo dai colori dell’intrattenimento puro, di ricostruirlo intorno ad un progetto possibilmente sociale e “fuorimercato”

A cura della redazione

Perseo, un eroe alle prese con le sue gesta memorabili, i mostri da uccidere, un amore da consumare, un regno da conquistare.

E poi ancora un regista teatrale ed il suo spettacolo da mettere in scena, un testo di riferimento, la disciplina ed il sacrificio degli attori della compagnia.

Insieme a loro (o contro di loro?) la dea Atena, la Gorgone Medusa, Andromeda e Danae ovvero un gruppo d'attrici alle prese con i due uomini tracotanti e quasi dei. Ma è giusto che un eroe per chiudere il proprio cerchio così da divenire mito, diventi incurante della sensibilità delle persone che gli sono così vicine? Ed è giusto che un regista abbia occhi solo sulla scena e non anche sulla sensibilità, sulle incertezze, sulle paure degli attori che devono interpretarla? Qual è il prezzo del successo? E perché a pagarlo sono sempre e solo gli altri e non i protagonisti?

 Apostasis, l'ultimo spettacolo che i Teatri Offesi di Pescara hanno proposto durante l'estate all'interno di giardini privati della provincia Pescarese, è stato presentato lo scorso 13 Ottobre ad Atene presso il Teatro Embros (occupato nel 2012 e diventato simbolo del teatro indipendente) ottenendo un buon successo di pubblico e di critica. Nei prossimi mesi lo stesso spettacolo sarà a Timisoara in Romania e poi a seguire in Francia sempre nel contesto di scambi culturali in ottica europea.

Lo spettacolo ad Atene promosso attraverso siti internet di italiani all'estero, è stato accolto con entusiasmo da docenti italiani in missione presso Università, Lettorati e Consolati in Grecia presenti tra il pubblico in sala. Il prossimo spettacolo in Romania sarà all'interno di un festival organizzato dall'università di Timisoara.

L'idea “glocal” alla base del collettivo pescarese è quella di fare teatro nel territorio e provare a portarlo lontano da casa perché parli di sé, ma si renda allo stesso tempo disponibile ad accogliere modalità teatrali diverse, perché lo spazio del teatro diventi non solo luogo per rappresentazioni ma anche possibilità d'incontri, di scambi e di relazioni tra persone che parlano lingue diverse.

I Teatri Offesi di Pescara sono insieme dal 1999 con l'idea di condurre il Teatro fuori dai teatri, di liberarlo dai colori dell’intrattenimento puro, di ricostruirlo intorno ad un progetto possibilmente sociale e “fuorimercato”.

L’impegno civile, l’incursione sociale in luogo dello spettacolo (azioni secondo il Mob project), la ricerca di forme espressive diverse, la scelta di circuiti no-profit, di luoghi non deputati, sono alcuni tratti determinanti dei Teatri Offesi.

 

 

Continua a leggere in Nonsoloimpresa...

L'olio extravergine d'oliva, un super nutraceutico

Le proprietà nutrizionali e nutraceutiche dell'eccellenza italiana e della nostra terra d'Abruzzo

Continua a leggere...

Il Vino Cotto del filosofo

Da quasi 100 anni questo prodotto tipicamente abruzzese è realizzato dall’azienda agricola Di...

Continua a leggere...
Cover Story Cover Story

Mercadante Truck, la forza di una famiglia da 92 anni

Scopri di più...
ABRUZZO IMPRESA è il portale online che racconta quotidianamente il mondo dell'imprenditoria abruzzese. Questa testata giornalistica nasce nel 2006 in versione cartacea con lo scopo di raccontare attraverso interviste e approfondimenti l'economia abruzzese. Il vero grande valore aggiunto di questa nuova scelta editoriale è la Web Tv di ABRUZZO IMPRESA che permette ad imprenditori e manager di esporre le loro storie. I canali Facebook, Instagram e Linkedin sono lo strumento di espansione del sito ufficiale che vede nell'ipertestualità una importante via di sviluppo.
Fabio De Vincentiis
Editore
Eleonora Lopes
Direttore Responsabile
Gianluigi Tiberi
Coordinatore web-tv
La Redazione