Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Le famose Birbe targate Amadori si rinnovano

L'azienda con sede anche a Mosciano Sant'Angelo, punta a consolidare ulteriormente la sua leadership nella categoria negli impanati snack

A cura della redazione

In un mercato che dimostra di apprezzare sempre di più i prodotti gustosi, veloci e facili da preparare a base di carne bianca, Amadori punta a consolidare ulteriormente la sua leadership nella categoria negli impanati snack. A un anno dal debutto delle Birbe Pops, ecco sul mercato la nuova versione di uno dei prodotti più celebri, amato da milioni di italiani: Le Birbe.

Le nuove Birbe Amadori si presentano con una nuova ricetta dal sapore unico e distintivo, grazie alla nuova aromatizzazione che regala un gusto rotondo e succulento, e alla nuova panatura croccante, dalla colorazione ancora più vivace.

Per raccontare questa rinnovata esperienza di sapore, Amadori ha deciso di realizzare anche una nuova identity del prodotto, per rendere ancora più distintivo a scaffale questo prodotto iconico.

La nuova etichetta presenta un layout verticale, unico sul mercato: al nome Le Birbe si affianca l’immagine del prodotto, con un visual appetitoso che ne esalta l’esplosione di gusto, e la descrizione dei suoi plus principali. Il pay off “super croccanti” sotto il logo sottolinea una delle caratteristiche più ricercate e apprezzate dai consumatori, mentre un secondo coupon rimarca il messaggio della nuova ricetta.

Ma le novità nel mondo Le Birbe non finiscono qui: da luglio la nuova identity viene uniformata a tutte le referenze in gamma (Birbe Pops, Birbe con speck e emmental, Birbe con spinaci) che si presentano a scaffale con l’etichetta rinnovata, rafforzando l’identità unica di questa linea di straordinario successo.

Il lancio delle nuove Birbe è accompagnato da una forte comunicazione a supporto, sia in ambito digital e social sui canali ufficiali Amadori, sia in TV, dove per tutto il mese di luglio è on air lo spot dedicato a questo prodotto amato da milioni di italiani, da gustare nelle cene più informali in famiglia come nelle occasioni di festa con gli amici.

Fondata nel 1969, Amadori è oggi un Gruppo leader nel comparto agroalimentare. Da sempre specialista del settore avicolo, con una quota di mercato di circa il 30% sul totale carni avicole in Italia, sta estendendo la propria offerta a tutto il campo delle proteine: bianche, rosa e verdi. Il Gruppo Amadori, che può contare sulla collaborazione di oltre 9.000 persone, tutte in Italia, si distingue sul mercato per la gestione integrata della propria filiera, formata da: 6 stabilimenti di trasformazione alimentare, 5 incubatoi, 4 mangimifici e 1 in conto lavorazione, oltre 800 allevamenti sia a gestione diretta che in convenzione, 3 piattaforme logistiche e 19 centri di distribuzione fra filiali e agenzie, che garantiscono una distribuzione capillare in tutta Italia. 

 

 

 

Continua a leggere in Focus...

Coca-Cola HBC Italia, investimenti in innovazione sostenibile per lo stabilimento abruzzese

Progetti, risultati e prospettive dello stabilimento di Oricola per circa 40 milioni di euro...

Continua a leggere...

Storiche Cantine Bosco Nestore: il primo semestre si chiude con nuovi premi e importanti progetti

L'azienda ha chiuso il primo semestre 2022 con una crescita del +25% sull’anno precedente e...

Continua a leggere...

Famiglia Febo, un vino che racconta il ritorno alle radici

La cantina che produce vino naturale, si trova a Spoltore ed è guidata dai giovani fratelli...

Continua a leggere...
ABRUZZO IMPRESA è il portale online che racconta quotidianamente il mondo dell'imprenditoria abruzzese. Questa testata giornalistica nasce nel 2006 in versione cartacea con lo scopo di raccontare attraverso interviste e approfondimenti l'economia abruzzese. Il vero grande valore aggiunto di questa nuova scelta editoriale è la Web Tv di ABRUZZO IMPRESA che permette ad imprenditori e manager di esporre le loro storie. I canali Facebook, Instagram e Linkedin sono lo strumento di espansione del sito ufficiale che vede nell'ipertestualità una importante via di sviluppo.
Fabio De Vincentiis
Editore
Eleonora Lopes
Direttore Responsabile
Gianluigi Tiberi
Coordinatore web-tv
La Redazione