Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Famiglia Febo, un vino che racconta il ritorno alle radici

La cantina che produce vino naturale, si trova a Spoltore ed è guidata dai giovani fratelli Davide e Laura Febo affiancati e supportati da tutta la famiglia

di Eleonora Lopes

Quando le radici chiamano, è impossibile non ascoltarle. E’ il richiamo della terra. E’ quello che è capitato a Davide Febo, giovane abruzzese che ha abbandonato la futura carriera da avvocato per diventare produttore di vino.

L’idea di Davide era ripartire con una nuova identità della Cantina fondata dal nonno, che contenga la preziosa eredità del passato unita alla voglia di crescita e di innovarsi. Nasce così a Spoltore, Famiglia Febo.

Oggi Davide insieme alla sorella Laura gestisce la cantina Famiglia Febo nata per mano del nonno Rolando, “Il nonno iniziò ad impiantare le vigne negli anni ’60 – ci racconta Davide- fece la prima vendemmia nel ’64, ma in quegli anni vendeva il vino sfuso. Oggi alcune delle vigne che utilizziamo sono ancora quelle, altre chiaramente le ho reimpiantate”.

“La mia è una famiglia di agricoltori da sempre. –aggiunge Laura- Nostro padre pur aiutando il nonno ha scelto di fare un altro lavoro. Oggi ci sta affianco, ci dà consigli ed è contento che abbiamo intrapreso questa nuova avventura”.

E’ stato Davide, 30 anni, il primo a credere in una nuova vita dell’azienda agricola, laureando in Giurisprudenza, nel 2015 ha una sorta di “illuminazione” come la definisce  Laura. “Più tornavo a casa per la vendemmia o per la raccolta delle olive, - ci racconta il giovane produttore-  per aiutare la famiglia e più capivo che non volevo fare l’avvocato. Così nel 2015 ho lasciato Bologna e sono tornato a Spoltore”.

Laura, la sorella maggiore, di 33 anni, dopo la laurea in Mediazione linguistica a Milano ha voluto condividere il sogno del fratello. Oggi lo affianca nella parte commerciale e nella comunicazione.

Il sogno si è trasformato in realtà e nel 2018, con il primo imbottigliamento con l’etichetta, nasce ufficialmente Famiglia Febo.

I ragazzi hanno anche un fratello più piccolo Alessandro di soli 15 anni, ma che già ama trascorrere in campagna il suo tempo libero.

I Febo decidono di ristrutturare quella che era la casa dei nonni del 1800 e la parte della cantina con le botti in acciaio e cemento.

Davide ha voluto da subito il supporto di un big del settore, il prof. Leonardo Seghetti, agronomo e grande esperto di olio e vino. Insieme fin dall’inizio hanno creato l’identità dei vini mantenendo i valori dei nonni e inseguendo la qualità del prodotto.

Gli ettari lavorati sono 7, tutti in conversione biologica dal 2018, e sono ubicati tra Spoltore, terreno argilloso e calcareo, e Chieti più sabbioso, dove ci sono i terreni dei nonni materni. I vitigni coltivati sono: Montepulciano, dal quale ricavano anche il Cerasuolo, Pecorino e Trebbiano. Il Pecorino, a filare, e il Montepulciano, a pergola, sono stati reimpiantati da Davide dopo la morte del nonno.

Le bottiglie prodotte sono circa 7.000, parole d’ordine della famiglia è qualità e non quantità. “Non ci interessa fare i grandi numeri - spiega Davide che si divide tra la campagna e la cantina-  quello che vogliamo è fare un vino buono, che in primis piaccia a noi e poi venga apprezzato da chi lo sceglie. La nostra è una piccola realtà, ma chi fa vino naturale come noi è giusto che rispetti numeri contenuti, altrimenti viene meno la visione”.

Da subito la scelta di fare vino naturale con fermentazione spontanee e affinamento nelle vasche di cemento. Tra le undici vasche di cemento ereditate ce ne sono quattro enormi e molto particolari. Sono bianche e rosse, colore originario ed inusuale per l’epoca, orgoglio della nonna.

Il risultato è un vino autentico, pulito, senza sovrastrutture, elegante in bocca e anche nel packaging.

“Al momento non facciamo vinificazioni separate per Chieti o Spoltore, ma la scelta è unirle per dare il meglio dei due terreni che sono completamente differenti per caratteristiche. La pulizia nel bicchiere per me è sacra - dice Davide sorridendo-”.

“Quando ci è possibile andiamo noi in giro a raccontare il nostro vino, - racconta Laura- attualmente si trova in alcuni ristoranti ed enoteche in Abruzzo, on line e naturalmente presso l’azienda. Stiamo anche iniziando con la vendita negli Stati Uniti che ci sta dando belle soddisfazioni. Sappiamo che la strada è ancora lunga, l’entusiasmo non ci manca!”.

“I nonni ci hanno trasmesso l’amore per la terra - concludono i fratelli- per la campagna, per le tradizioni. In futuro vogliamo consolidarci ma sempre rispettando la connessione che ci lega a passato e futuro”.

 

 

 

Continua a leggere in Focus...

Coca-Cola HBC Italia, investimenti in innovazione sostenibile per lo stabilimento abruzzese

Progetti, risultati e prospettive dello stabilimento di Oricola per circa 40 milioni di euro...

Continua a leggere...

Storiche Cantine Bosco Nestore: il primo semestre si chiude con nuovi premi e importanti progetti

L'azienda ha chiuso il primo semestre 2022 con una crescita del +25% sull’anno precedente e...

Continua a leggere...

Le famose Birbe targate Amadori si rinnovano

L'azienda con sede anche a Mosciano Sant'Angelo, punta a consolidare ulteriormente la sua...

Continua a leggere...
ABRUZZO IMPRESA è il portale online che racconta quotidianamente il mondo dell'imprenditoria abruzzese. Questa testata giornalistica nasce nel 2006 in versione cartacea con lo scopo di raccontare attraverso interviste e approfondimenti l'economia abruzzese. Il vero grande valore aggiunto di questa nuova scelta editoriale è la Web Tv di ABRUZZO IMPRESA che permette ad imprenditori e manager di esporre le loro storie. I canali Facebook, Instagram e Linkedin sono lo strumento di espansione del sito ufficiale che vede nell'ipertestualità una importante via di sviluppo.
Fabio De Vincentiis
Editore
Eleonora Lopes
Direttore Responsabile
Gianluigi Tiberi
Coordinatore web-tv
La Redazione