Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Per non dimenticare: il gesto di solidarietà delle industrie per la salute dell'Aquila

Un contributo di 50mila euro per l'acquisto di un'ambulanza per la Asl 1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila è il gesto di solidarietà di Menarini, Dompè e Sanofi, le tre aziende farmaceutiche che "vivono" sul territorio aquilano

a cura della redazione

Un contributo di 50mila euro per l’acquisto di un'ambulanza destinata alla Asl 1 Avezzano-Sulmona-L’Aquila, un gesto semplice, concreto e significativo compiuto all’alba del decennale del sisma del 2009 dalle tre aziende della salute presenti sul territorio aquilano Dompé, Menarini e Sanofi.

Aziende che negli anni hanno reso grande il polo farmaceutico del capoluogo abruzzese e che dopo il terremoto hanno continuato a investire sull’Aquila, continuando a creare lavoro, ricchezza e innovazione (attraverso la ricerca) e che oggi si sono unite in un gesto di solidarietà.

All’iniziativa di consegna dell’assegno di ieri a Palazzo Fibbioni, c’erano Pierluigi Biondi, sindaco dell’Aquila, Marco Marsilio, presidente della Regione Abruzzo, Nicoletta Verì,assessore regionale alla Sanità, e poi le tre aziende con Lucia e Alberto Giovanni Aleotti, azionisti e membri del Board di Menarini, Sergio Dompé, presidente e CEO Dompé farmaceutici, Hubert de Ruty, presidente e amministratore delegato di Sanofi Italia.

"Una presenza sempre più marcata e consolidata nel tempo, che per il nostro territorio ha significato e significa tuttora occupazione, ma anche sviluppo e competitività sotto il profilo della ricerca", ha esordito Biondi, che aveva da poco ritirato le dimissioni. "Le tre industrie detengono un prestigio straordinario in campo internazionale – ha proseguito – e la circostanza che gli stabilimenti aquilani abbiano ricoperto un ruolo importante per il raggiungimento di questo obiettivo è motivo di orgoglio per tutti noi. A loro va anche il merito di aver contribuito in modo decisivo alla ripartenza della città dopo il sisma del 2009, non abbandonando la città e il comprensorio ma, al contrario, proseguendo con gli investimenti e il potenziamento delle loro strutture". E sulla donazione fatta alla Asl 1 "va oltre il mero contributo economico: rappresenta infatti una testimonianza tangibile di quanto Dompé, Menarini e Sanofi sappiano interessarsi anche degli aspetti sociali del territorio aquilano".

"Oggi il legame tra Menarini e L’Aquila è più forte che mai – hanno detto Lucia e Alberto Giovanni Aleotti -. Qualche mese fa abbiamo celebrato i 25 anni dello stabilimento che, dopo il sisma del 2009, è diventato simbolo di forza e di tenacia del nostro Gruppo. Grazie a un imponente lavoro di squadra, la nostra produzione riprese dopo pochi giorni a pieno ritmo, chiudendo l’anno anche con un incremento dei volumi produttivi. Con questa donazione, celebriamo la forza di rinascere degli amici aquilani, un esempio per tutti noi!”.

"Siamo qui per trasmettere la nostra gratitudine per l'Aquila e gli Aquilani. – Ha esordito Sergio Dompè - La donazione dell’ambulanza è un segnale che rafforza l’impegno dell’azienda sul territorio in una prospettiva di lungo periodo. Un impegno che non si è mai fermato, soprattutto grazie alla forza di volontà dei nostri collaboratori che già a poche settimane dal sisma hanno ripreso appieno la propria attività".

"Quanto successo qui dieci anni fa - ha detto Hubert de Ruty - ha fortemente condizionato il modo in cui Sanofi oggi interpreta il legame con questo Paese. Noi c’eravamo”. Il presidente e ad di Sanofi ha ricordato come a pochi giorni dal terremoto all’interno dell’azienda che ha sede nel comune di Scoppito fu allestito un campo per accogliere i dipendenti, poi diventato villaggio, e le loro famiglie e poi la ripresa della produzione “A due giorni dal terremoto, i nostri colleghi hanno trovato in un campo tenda all’interno dello stabilimento un ambiente protetto con i propri familiari. Ventuno giorni dopo, insieme, abbiamo riavviato la produzione. Cinque mesi dopo, abbiamo inaugurato un complesso residenziale temporaneo per 500 persone, alcuni collaboratori ma tanti concittadini che qui hanno ritrovato un alloggio e spazi di socialità. Oggi queste sono ancora a disposizione della collettività. Da allora non ci siamo mai fermati. Questo è per noi essere comunità e fare impresa. Insieme a Menarini e Dompé, oggi siamo qui per guardare al futuro di questa terra e dei nostri colleghi".

 

Continua a leggere in Eventi & Convegni...

Il futuro della città di Teramo passa per il "Meeting delle idee"

Oggi il dibattito sul rilancio del capoluogo teramano promosso e animato dai Giovani Imprenditori...

Continua a leggere...

Le eccellenze abruzzesi si radunano al Golf Country Club

L’evento chiamato "Omnia Sensi" è stato organizzato da Slow Food Majella, il Golf Country Club...

Continua a leggere...

"Bollicine d'Abruzzo" in degustazione all'Aurum

La rassegna dedicata agli spumanti si terrà sabato 15 giugno dalle 18

Continua a leggere...
Cover Story Cover Story

Mercadante Truck, la forza di una famiglia da 92 anni

Scopri di più...
ABRUZZO IMPRESA è il portale online che racconta quotidianamente il mondo dell'imprenditoria abruzzese. Questa testata giornalistica nasce nel 2006 in versione cartacea con lo scopo di raccontare attraverso interviste e approfondimenti l'economia abruzzese. Il vero grande valore aggiunto di questa nuova scelta editoriale è la Web Tv di ABRUZZO IMPRESA che permette ad imprenditori e manager di esporre le loro storie. I canali Facebook, Instagram e Linkedin sono lo strumento di espansione del sito ufficiale che vede nell'ipertestualità una importante via di sviluppo.
Fabio De Vincentiis
Editore
Eleonora Lopes
Direttore Responsabile
Gianluigi Tiberi
Coordinatore web-tv
La Redazione