Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Il Conte Guido Ginaldi, un libro dedicato al pilota e viveur del Novecento

La presentazione dell'opera si è svolta in occasione Tour in rosso della Valle del Pescara

di Marcella Pace

Il legame tra l'Abruzzo e il mondo automobilistico è indissolubile. Lo è per la storica Coppa Acerbo, che sul circuito tra Pescara, Montesilvano, Cappelle e Spoltore, vedeva sfrecciare i più grandi corridori sulle 4 ruote provenienti da tutta Italia. Ma lo è anche per i piloti stessi. E' stato l'Abruzzo e più precisamente Sulmona, infatti, a dare i natali a Guido Ginaldi, che nel 1925 vinse, a bordo della sua Alfa Romeo RLSS-TF, la seconda edizione della Coppa Acerbo, che l'anno precedente aveva visto sul podio Enzo Ferrari. Ed è proprio alla figura del sulmonese che è dedicato il libro “Il conte Guido Ginaldi, pilota ed eclettico viveur del Novecento”, scritto da Francesco Falocco e Ezio Mattiocco. Il libro edito dall’Università Sulmonese della Libera Età, è stato presentato nella sala conferenze dell'Hotel “Casa del Pellegrino” di Manoppello in occasione del “Tour in rosso della Valle del Pescara”.

Alla presentazione sono intervenuti: Francesco Falocco uno degli autori del libro,  Fabio Valerio Maiorano storico e scrittore, Fabio Barone presidente del club Ferrari “Passione rossa”, Walter Tirimacco delegato del club per la Regione Abruzzo e uno dei principali artefici dell’evento, Giampiero Sartorelli presidente dell’Automobil Club Pescara, Giorgio De Luca sindaco di Manoppello; moderatore Emanuele Cellini La Plebe.

Si è parlato delle imprese del pilota sulmonese e, grazie ad una vecchia registrazione audio inerente un’intervista fatta nel 1970 dal giornalista abruzzese Francesco Santuccione a Guido Ginaldi e al suo meccanico di bordo Raffaele D’Amario, a lungo faticosamente cercata dall’autore del volume Francesco Falocco e finalmente da questi rinvenuta, tramite il giornalista Santuccione, da Gianfranco Di Donato noto appassionato e collezionista di documenti audio/video inerenti le corse automobilistiche abruzzesi, è stato possibile ascoltare alcuni brani di quella intervista, inseriti in un video preparato dallo stesso autore del libro Francesco Falocco per illustrare il contenuto dell’opera. Nel corso della conferenza Francesco Falocco ha inoltre donato una copia del prezioso documento sonoro a Walter Tirimacco.

I presidenti Barone e Sartorelli, inoltre, hanno manifestato l'intenzione di rievocare proprio la Coppa Acerbo, con un tour Ferrari sul tracciato storico della corsa.

Con questa iniziativa, portata avanti dal delegato per l’Abruzzo Walter Tirimacco, che da sempre ha particolarmente a cuore il territorio abruzzese, si è inteso riportare alla memoria gli antichi fasti dell’automobilismo in Abruzzo. Il circuito pescarese divenne tanto ambìto che il 18 agosto 1957, in occasione della XXV edizione, divenne lo scenario sul quale si svolse la settima gara del Campionato Mondiale di Formula 1, vinta da Stirling Moss che coprì i 18 giri del circuito di 25,579 km, per un totale di 460,422 km, alla velocità media di circa 153 km/h.

 

 

 

Continua a leggere in Nonsoloimpresa...

I contadini volanti (e altri eroi)

Con una mostra fotografica sull’agricoltura eroica, da Pantelleria alla Costiera Amalfitana, da...

Continua a leggere...

I bimbi teramani insieme con un libro per l'Unicef

Younicef, la sezione giovani del Comitato Provinciale dell’Unicef di Teramo, ha organizzato, in...

Continua a leggere...

Dove volano gli asini, il primo romanzo della giornalista pescarese Federica Fusco

La presentazione avrà luogo a Pescara, sabato 24 novembre alle 18 allo Spazio Matta

Continua a leggere...
Cover Story Cover Story

Mercadante Truck, la forza di una famiglia da 92 anni

Scopri di più...