Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Oscar Green Coldiretti 2019, premiati sei giovani imprenditori solidali, tecnologici e innovativi

Consegnati a L'Aquila i riconoscimenti agli agricoltori del futuro con le loro idee nel segno di solidarietà e rinascita

a cura della redazione

E’ un'agricoltura tecnologica con una forte inclinazione alla “solidarietà” e al senso di “riscatto” la protagonista dell’edizione abruzzese 2019 di Oscar Green, il concorso sull’innovazione promosso da Coldiretti Giovani Impresa.

Nella sua sezione regionale, il concorso ha visto la premiazione di 6 imprenditori con meno di 40 anni che hanno deciso di fare agricoltura nel periodo del dopo sisma e lo hanno fatto con idee innovative e originali: dalla stalla hi-tech per il rilancio del pecorino di Farindola, al tessuto natural fashion allo zafferano di Navelli, dal salame al luppolo delle campagne teramane all’orto a misura di carrozzina, e poi ancora dal salame alle bucce biologiche alla cialda energetica per rinvigorire il corpo e non solo la mente.

I risultati sono stati svelati a L’Aquila, in piazza del Duomo, nella giornata conclusiva della manifestazione L’Aquila made in Italy promossa da Coldiretti Abruzzo alla presenza del presidente di Coldiretti Abruzzo Silvano Di Primio che ha ricordato l’importanza del cibo per Coldiretti, del delegato regionale di Coldiretti Giovani Impresa Giuseppe Scorrano e della delegata nazionale di Coldiretti Giovani Impresa Veronica Barbati che ha rimarcato che “sono i giovani agricoltori i grandi protagonisti del dopo sisma perché hanno conservato la voglia e la volontà di fare impresa, nonostante tutto”. Presenti anche il vicesindaco del Comune dell’Aquila Raffaele Daniele e l’assessore regionale alle politiche agricole della Regione Abruzzo Emanuele Imprudente e il direttore di Coldiretti Abruzzo Giulio Federici.

«Un concorso che si dimostra molto sentito dai giovani agricoltori – dice Silvano Di Primio, presidente di Coldiretti Abruzzo – l’interesse dimostrato dai partecipanti dimostra concretamente la presenza e l’entusiasmo del nuovo tessuto imprenditoriale che si impegna per produrre prodotti e progetti nuovi con una buona dose di inventiva e di creatività». Soddisfatto anche il delegato di Coldiretti Giovani Impresa Giuseppe Scorrano, che ha ribadito «come l’agricoltura sia una grande opportunità per i giovani, sia in termini economici che di soddisfazione personale. Lo dimostrano i numeri di un concorso che, ogni anno, vede sempre più aziende partecipanti dimostrando che l’agricoltura è un settore vitale e sempre più apprezzato. Anche l’identikit del giovane agricoltore è cambiato. Si tratta di giovani molto spesso laureati che scelgono, non solo per tradizione familiare, di cimentarsi in questo settore. Basti pensare che sono state ben 1200 le domande presentate in occasione dei due bandi pubblicati dalla Regione Abruzzo per il primo insediamento. E’ necessario però – ha aggiunto il delegato – sostenere e supportare in questo percorso chi sceglie di fare l’agricoltore diventando artefice di una rinascita che riguarda l’intera economia regionale».

 

I sei vincitori:

 

CAMPAGNA AMICA - salame al luppolo

La vincitrice è Antonella Marrone, 37 anni di Roseto degli Abruzzi, titolare dell’azienda agricola Hopera. E’ un'azienda che produce e trasforma il luppolo che viene usato per la produzione di birra da cui vengono ottenuti insoliti derivati. Tra i prodotti particolari che vengono realizzati con il luppolo rigorosamente a chilometro zero c’è il salame al luppolo, in cui sposa il gusto erbaceo del luppolo con la sapidità della carne stagionata, e la marmellata di birra, prelibato accompagnamento per formaggi che è andata sold out in poche settimane.

 

CATEGORIA FARE RETE – NATURAL FASHION ALLO ZAFFERANO

Il vincitore della categoria Fare Rete, l’unica aperta ad aziende non agricole, è Gianluca Nappo, 30 anni, titolare dell’omonima ditta individuale, di L’Aquila. Produce accessori uomo/donna natural fashion colorati con eccellenze enogastronomiche abruzzesi tra cui principalmente zafferano fornito da produttori di Navelli. Non utilizza additivi chimici per cui il risultato è un prodotto ecosostenibile realizzato in maniera artigianale con il massimo rispetto dell'ambiente. Gli unici ingredienti usati sono gli scarti delle produzioni agroalimentari. Tra gli accessori, particolarmente gettonati le scarpe e i foulard, rigorosamente e naturalmente “color oro”.

 

CATEGORIA CREATIVITA’ – LA CIALDA ENERGETICA

Il vincitore della categoria è Davide Assogna, 26 anni, dell’azienda agricola La Collina di Francesca Assogna di Pineto (TE). L’azienda, a gestione familiare, produce un particolare snack a forma di cialda che contiene fiocchi di avena, semi di sesamo, girasole e di lino, noci e mandorle, olio evo, uvetta, pinoli, miele e mosto cotto che conferisce al prodotto una particolare sentore oltre a proprietà antiossidanti. Lo snack, chiamato Cialda energetica a chilometro zero, ha quindi un alto potere energetico presentandosi con una forma curata e particolare.

 

CATEGORIA SOSTENIBILITA’ – SALAME ALLE BUCCE

Il vincitore è Roberto Fracassa della Società agricola Fracassa, 34 anni, di Sant’Egidio alla Vibrata (TE). Produce un particolare salame che, affogato nel vino Montepulciano per 48 ore, viene messo a riposo e confezionato con vinacce biologiche. Questa procedura consente di conservare il prodotto nel tempo grazie alle sostanze antiossidanti presenti naturalmente nel vino mantenendo il salume morbido e fresco. Caratteristico il sentore e il profumo che richiama gli odori fruttati delle uve tra le più amate nel mondo.

 

CATEGORIA IMPRESA 4.TERRA – AGNELLAIA HI TECH

Il vincitore è Pietropaolo Martinelli, 39 anni, titolare dell’omonima azienda produttrice del Pecorino di Farindola (Pe). Il progetto di innovazione si riferisce alla realizzazione di una stalla per agnelli ad alta tecnologia. La struttura, costruita dopo il terremoto del 2017 durante il quale morirono oltre 400 agnelli, incarna il senso della rinascita e della volontà di chi vuole riscattarsi dalle conseguenze del sisma. E’ divisa in 4 ambienti a temperatura controllata, dotati di camini automatici di estrazione dell'aria per garantire il ricircolo e la salubrità della stalla in cui il singolo agnello viene seguito dalla nascita fino all'accrescimento. L'aria espulsa viene convogliata in un fienile per l'essiccazione del fieno che è più proteico determinando la maggiore lattazione delle pecore e quindi la maggiore produzione.

 

CATEGORIA NOI PER IL SOCIALE – L’ORTO “SUPER-ABILE”

Il vincitore è Bruno Petrini dell’azienda agricola Il Bruco di Roseto degli Abruzzi. E’ una azienda nata per essere “sostenibile” in ogni suo aspetto, caratterizzata da 85 pezzi di terra coltivati in comune da persone che non si conoscono attraverso un contratto di subaffitto e una fattoria da riciclo creativo ottenuta con il materiale di scarto, altamente ecologica e a basso impatto ambientale. Fiore all'occhiello è poi il giardino aromatico "a misura di carrozzina" con un pavimento di materiale da riciclo che permette al disabile di percorrere e coltivare l’orto “ad apposita altezza” grazie ad appositi “cassoni” rialzati. La categoria Noi per il sociale è l’unica categoria senza limite di età.

 

Nel corso dell’incontro è stato premiato anche Romeo Pulsoni, medico e agricoltore aquilano, per la sua grande disponibilità e impegno della realizzazione della manifestazione L’Aquila made in Italy.

 

Continua a leggere in Primo Piano...

Politiche per lo sviluppo economico, all'Aquila fondi per l'imprenditoria under 30

Il Comune dell'Aquila stanzia un contributo a fondo perduto per i giovani che avvieranno...

Continua a leggere...

Musiké, il vino si affina in musica

Il maestro Beppe Vessicchio e il ceo di Rosarubra Iacobone hanno creato Sesto Armonico, due vini...

Continua a leggere...

PASTORI IN ESTINZIONE, A RISCHIO IL SIMBOLO DELLA TRADIZIONE D’ABRUZZO

Più di 200 allevatori presenti al convegno organizzato a Teramo da Coldiretti Abruzzo

Continua a leggere...
Cover Story Cover Story

Mercadante Truck, la forza di una famiglia da 92 anni

Scopri di più...
ABRUZZO IMPRESA è il portale online che racconta quotidianamente il mondo dell'imprenditoria abruzzese. Questa testata giornalistica nasce nel 2006 in versione cartacea con lo scopo di raccontare attraverso interviste e approfondimenti l'economia abruzzese. Il vero grande valore aggiunto di questa nuova scelta editoriale è la Web Tv di ABRUZZO IMPRESA che permette ad imprenditori e manager di esporre le loro storie. I canali Facebook, Instagram e Linkedin sono lo strumento di espansione del sito ufficiale che vede nell'ipertestualità una importante via di sviluppo.
Fabio De Vincentiis
Editore
Eleonora Lopes
Direttore Responsabile
Gianluigi Tiberi
Coordinatore web-tv
La Redazione