Assoimpresaitaliana.it

_

_

_

_

_

CERCA ARTICOLI

_

AREA RISERVATA

Registrandoti al sito potrai accedere all'archivio e consultare tutti i numeri arretrati di Abruzzo Impresa.

 

Se sei un nuovo utente registrati qui

altrimenti effettua il login:

_

_

focus di Andrea Bonanni Caione | 29 Settembre 2017

Le nuove frontiere del licenziamento economico

Una delle novità: si può licenziare anche per guadagnare di più

"Ai fini della legittimità del licenziamento individuale intimato per giustificato motivo oggettivo, l’andamento economico negativo dell’azienda non costituisce un presupposto fattuale che il datore di lavoro debba necessariamente provare ed il giudice accertare, essendo sufficiente che le ragioni inerenti all’attività produttiva ed all’organizzazione del lavoro, tra le quali non è possibile escludere quelle dirette ad una migliore efficienza gestionale ovvero ad un incremento della redditività dell’impresa, determinino un effettivo mutamento dell’assetto organizzativo attraverso la soppressione di una individuata posizione lavorativa”. Con questo inciso la Corte di Cassazione ha di recente superato ogni precedente contrasto inerente la motivazione di un licenziamento c.d. “economico”, specificando che lo stato di crisi non costituisce un presupposto necessario della decisione di risolvere un rapporto di lavoro per giustificato motivo oggettivo: a condizione che la riorganizzazione sia effettiva, quest’ultima legittima un licenziamento anche se è stata implementata al solo scopo di conseguire un incremento di redditività dell’impresa. La novità è dirompente. E lo è ancor di più ove la si colleghi con la disciplina di tutela in ipotesi di licenziamento illegittimo, sia che si discorra di art. 18 dello Statuto dei lavoratori, sia, a maggior ragione, che il rapporto sia sottoposto alla disciplina delle cd. “tutele crescenti”; è indubbio che possa cogliersi un deciso ampliamento del potere organizzativo in capo alle aziende, che si trovano a disporre di uno strumento normativo che consente loro di adeguare le proprie strutture produttive alle proprie esigenze, senza più correre il rischio che un provvedimento di un giudice possa porre nel nulla tutto il lavoro svolto. Nel rinnovato quadro regolatorio, infatti, la legittimità del licenziamento, ai fini di un eventuale reintegra, riposa sulla sola sussistenza della motivazione posta a fondamento del licenziamento economico: ove questa non possa essere messa in discussione, il lavoratore risulta privo di ogni possibilità di ottenere dal Giudice un provvedimento che lo ricollochi in azienda. Resta, è evidente, il c.d. “obbligo di repechage” (ovvero l’obbligo di tentare il ricollocamento in altra mansione, prima di procedere al licenziamento) ma la sua violazione, almeno nella lettura sinora più diffusa tra le Corti italiane, comporta esclusivamente un obbligo di tipo risarcitorio. Certo, la rinnovata disciplina del mutamento di mansioni, se da un lato ha riempito di nuovi contenuti l’esercizio del potere direttivo da parte del datore di lavoro, dall’altro ha sicuramente ampliato a dismisura l’obbligo di repechage. Può quindi ipotizzarsi che, in materia di licenziamento economico, se da un lato risulterà sempre più raro leggere provvedimenti di reintegra, dall’altro le condanne risarcitorie diventeranno quasi la regola. Ma questo è un altro capitolo del problema, che merita una autonoma disamina alla quale dedicheremo il prossimo intervento sulla rubrica.

 

 

 

 

focus15 Febbraio 2018

Il Gruppo Megadyne acquisisce la Sacif

Un’operazione strategica che ha permesso all’azienda di Cepagatti che produce nastri trasportatori di crescere e svilupparsi ulteriormente Professionalit   CONTINUA
focus14 Febbraio 2018

Made in Italy: Coldiretti, scatta anche in Abruzzo obbligo etichetta per pasta e riso

L’etichetta di origine obbligatoria che permette di conoscere l’origine del grano impiegato nella pasta e del riso mette fine all’inganno dei prodotti i   CONTINUA
focus09 Febbraio 2018

La promozione del territorio passa attraverso il cammino di San Tommaso

Una proposta di turismo esperienziale che porta l’Abruzzo sulle pagine delle riviste più importanti al mondo Il cosiddetto “turismo esperienziale” sem   CONTINUA
focus08 Febbraio 2018

Artigianato, il 2017 conferma una crisi senza soluzione di continuità

Seicento imprese artigiane in meno nel 2017. Non conosce soluzione di continuità la crisi che attanaglia la micro impresa della nostra regione, che per il se   CONTINUA
focus06 Febbraio 2018

"Carpe Diem, diversamente pizza" raddoppia

Emilio e Angelica Brighigna hanno aperto il loro secondo ristorante a Villa Raspa di Spoltore. Un impasto di qualità, grandi materie prime e attenzione al cl   CONTINUA
focus06 Febbraio 2018

ConDIRE: design, food e arte si incontrano

ConDIRE è un’originale ricetta che, guardando il mondo con curiosità, aggiunge sapore e bellezza alla visione delle cose.   CONTINUA
focus05 Febbraio 2018

Meet in Cucina Abruzzo, la quarta edizione si conferma un successo!

Prima ancora che l’evento iniziasse, c’era già la fila all’ingresso per entrare a Meet in Cucina, il congresso dei cuochi abruzzesi che è diventato ne   CONTINUA
focus01 Febbraio 2018

Panetteria Raspa, l'impresa si fa etica

Lo storico panificio di San Salvo sorto nel 1960, oggi è gestito da Michele Raspa e sua moglie Antonella. Ultimo progetto nato è la tenuta agricola Borgo Sa   CONTINUA
focus31 Gennaio 2018

Alhena Entertainment, la regina dei concerti

È pescarese la società che opera nel campo della produzione e organizzazione di grandi eventi e live musicali fondata da Gianfilippo Di Felice Sta per comp   CONTINUA
focus30 Gennaio 2018

Borgo Baccile, la storia diventa accoglienza

Il resort del Gruppo Farnese, gestito dal giovanissimo Nico Sciotti, è frutto di un attento restauro di dimore rurali nel Comune di Crecchio Amore per le pr   CONTINUA