Assoimpresaitaliana.it

_

_

_

_

_

CERCA ARTICOLI

_

AREA RISERVATA

Registrandoti al sito potrai accedere all'archivio e consultare tutti i numeri arretrati di Abruzzo Impresa.

 

Se sei un nuovo utente registrati qui

altrimenti effettua il login:

_

_

in copertina di Eleonora Lopes | foto concesse da Co.Re.Com | 22 Giugno 2017

Filippo Lucci: «Vi racconto la rinascita del Corecom»

Il Comitato Regionale per le Comunicazioni dal 2010, grazie all’intraprendente presidente e al suo team, è diventato un punto di riferimento per il mondo dell’editoria ma anche per i cittadini

Fino al 2009 in pochi sapevano cosa fosse il Comitato Regionale per le Comunicazioni. Poi l’organismo 7 anni fa fu affidato al giovane giornalista teramano Filippo Lucci che intraprese una vera e propria rivoluzione. Da allora, molta strada è stata fatta e grazie all’inarrestabile impegno del presidente, oggi il Co.Re.Com. Abruzzo è diventato un punto di riferimento della comunicazione in Abruzzo e in Italia. Ma veniamo alla storia di questo organismo, il Co.Re.Com. della Regione Abruzzo è stato istituito con Legge Regionale n. 45 del 24 agosto 2001, esercita funzioni di governo, garanzia e controllo sul sistema delle comunicazioni in ambito regionale ed è, al contempo, un organo funzionale dell’autorità per le garanzie nelle comunicazioni AGCOM e di consulenza della Giunta e del Consiglio regionali. Nel 2015 il Comitato Regionale per le Comunicazioni d’Abruzzo si è ufficialmente insediato nella sua nuova composizione che ha visto la conferma del presidente Lucci e l’ingresso dei componenti Michela Ridolfi e Ottaviano Gentile. Le funzioni del Co.Re.Com possono essere distinte in funzioni proprie e delegate.

FUNZIONI PROPRIE

Par Condicio. La normativa sulla Par Condicio promuove e disciplina l’accesso ai mezzi di informazione per la comunicazione politica, al fine di garantire la parità
di trattamento e l’imparzialità rispetto a tutti i soggetti politici. Il Co.Re.Com. verifica in ambito regionale che le emittenti radiofoniche e televisive garantiscano il pluralismo attraverso la parità di trattamento, l’obiettività, l’imparzialità e l’equità sia durante le campagne elettorali e referendarie, sia nei periodi ordinari. Contributi statali. Il Co.Re.Com. Abruzzo svolge le attività finalizzate alla predisposizione delle graduatorie ai fini dell’erogazione del contributo statale alle emittenti televisive locali stanziato annualmente dal Ministero dello Sviluppo Economico. Formulazione proposte e pareri. Il Co.Re.Com. formula proposte, orientamenti ed indicazioni agli organi regionali in tutti i casi in cui essi debbano esprimere pareri all’Autorità o ad altri soggetti in materia di comunicazioni o adottino provvedimenti sulle stesse materie. Accesso radiotelevisivo. Già dal 2013 il Co.Re.Com. Abruzzo si è fatto portatore della necessità di ampliare gli spazi di democrazia e pluralismo nel settore della comunicazione, in materia dei cosiddetti “Programmi dell’Accesso”, offrendo la possibilità alle associazioni, ai gruppi ed ai movimenti di fruire di spazi prefissati, gratuiti, nella programmazione radiofonica e televisiva della Rai regionale, al fine di illustrare iniziative ed attività, formulare proposte, “dare voce”, sostanzialmente, al mondo sociale e civile dell’Abruzzo.

FUNZIONI DELEGATE
Conciliazione, Provvedimenti temporanei di urgenza e definizione delle controversie tra utenti ed operatori di comunicazione elettronica. In caso di contenzioso tra utenti ed operatori di comunicazione elettronica, prima di rivolgersi al giudice di Pace o al tribunale, è necessario chiedere di risolvere la questione avvalendosi del tentativo obbligatorio di conciliazione. Diritto di rettifica. Il Co.Re.Com., in caso di diffusione di immagini o attribuzione di atti, pensieri, affermazioni, dichiarazioni contrarie a verità, da parte di un emittente radiotelevisiva, ordina all’emittente la rettifica e, nel caso di mancata ottemperanza, trasmette la relativa documentazione all’Autorità per i conseguenti provvedimenti sanzionatori. Vigilanza sui sondaggi. Il Co.Re.Com. vigila sul rispetto dei criteri fissati nel regolamento relativo alla pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa in ambito locale. Per sondaggi si intende l’universo delle rilevazioni demoscopiche, comprese quelle a carattere politico-elettorale, sia durante che al di fuori del periodo elettorale. Monitoraggio delle trasmissioni radiotelevisive in ambito locale. Il controllo del rispetto della normativa in materia di programmazione da parte delle emittenti locali si attua attraverso il monitoraggio delle trasmissioni, la verifica del loro contenuto e l’eventuale avvio ed istruttoria dei procedimenti finalizzati alla sanzione delle violazioni riscontrate. Tutela dei minori. Il Co.Re.Com. svolge un importante compito di vigilanza sulle trasmissioni delle emittenti locali e collabora, inoltre, con il Comitato “Media e Minori”. Il Co.Re.Com. verifica le denunce degli utenti su presunte violazioni da parte delle emittenti locali delle norme vigenti in materia di tutela dei minori. Gestione ROC, registro unico operatori. Tra le attività delegate dall’Agcom vi è anche quella relativa alla iscrizione, alla cancellazione e al rilascio delle certificazioni di iscrizione al ROC. Il Registro Unico degli Operatori di comunicazione è un archivio costantemente aggiornato degli operatori di comunicazione.

 

I DATI DELLE CONTROVERSIE DEL CO.RE.COM. ABRUZZO

Nel corso dell’anno 2016, le procedure di risoluzione delle controversie in materia di telecomunicazioni tra utenti e compagnie telefoniche/pay tv, gestite dal Co.Re.Com., ammontavano complessivamente, considerando tutti i procedimenti trattati (conciliazioni Ug, provvedimenti temporanei d’urgenza Gu5 e definizioni Gu14), in oltre 5600 registrandosi, come ormai di anno in anno accade, un esponenziale incremento del numero di istanze ricevute. Nel solo 2016 sono stati oltre 3 milioni gli Euro che dalle compagnie telefoniche sono tornati a famiglie ed imprese abruzzesi grazie al Corecom Abruzzo. In soli 9 anni, dal 2007 al 2016, si è registrato un aumento:
• del 326% delle istanze di conciliazione;
• del 285% delle istanze di provvedimenti temporanei di
urgenza;
• del 446% delle istanze di definizione (dal 2011 al 2016)

 

Il Villaggio della Comunicazione, dell’Innovazione tecnologica e della Creatività
Il Co.Re.Com. Abruzzo, in collaborazione con il Consiglio Regionale, AGCOM, Rai e Città di Pescara, ha organizzato, presso l’Aurum di Pescara lo scorso 2016, la prima edizione de “Il Villaggio della Comunicazione, dell’Innovazione tecnologica e della Creatività”. Con l’iniziativa, che ha registrato 13.000 presenze ed ha visto la partecipazione di 150 scuole e 4.000 studenti, il Co.Re.Com. ha voluto affrontare i temi emergenti che caratterizzano il panorama della comunicazione e dell’informazione, valorizzando le particolari implicazioni delle tecnologie digitali di ultima generazione, aprendo al grande pubblico la possibilità di conoscere e sperimentare le innovazioni più suggestive e all’avanguardia che il mercato può offrire. La manifestazione ha registrato, tra gli altri, anche la visita dell’allora premier Matteo Renzi, e del presidente nazionale dell’AGCOM, Angelo Marcello Cardani. Ad affiancare il Co.Re.Com. nell’organizzazione dell’evento, l’azienda romana di Paolo E. Rolli AdHocModus che opera da anni nei settori della ricerca, della tutela e promozione del patrimonio artistico e storico, dell’editoria tradizionale e digitale. (www.amodus.it e www.paolorolli.it). Tra i servizi realizzati dall’azienda: Virtual & Augmented Reality Performance esperenziali e innovative, video mapping emozionali tridimensionali, Workshop sulla stampa 3D e sui droni per la fotografia aerea, body scanner 3d, robotica per la promozione delle realtà presenti nel territorio.

 

La Mediucation e lo sportello webreputation e cyberbullismo
Il Co.Re.Com. Abruzzo si è fatto promotore di diverse iniziative per dotare i ragazzi di strumenti utili a riconoscere le minacce e le opportunità della Rete attraverso corsi dedicati e pubblicazioni a tema. Fondamentale la formazione per oltre 250 insegnanti e gli incontri con 5000 studenti grazie al progetto “Meducation”. Inoltre è stato aperto il primo sportello online sulla webreputation e il cyberbullismo (www.corecomabruzzo.it). L’obiettivo è quello di supportare il cittadino nella difesa della propria identità on-line. Lo “Sportello” si può utilizzare registrandosi tramite il sito ed inviando segnalazioni di contenuti lesivi presenti sul web relativi alla propria Identità Digitale, di situazioni di pericolo o di violenza. Un team di esperti della “Reputation Manager” analizzeranno in tempo reale le segnalazioni.

 

 

 


 

 

 

A tu per tu con Filippo Lucci

Da 7 anni presiede il Corecom Abruzzo, quali sono le azioni più rilevanti che lei e la sua squadra avete portato avanti?

«Abbiamo cercato di realizzare una vera e propria rivoluzione del Corecom. Da struttura pubblica poco conosciuta e scarsamente produttiva a punto di riferimento della comunicazione in Abruzzo e in Italia. La svolta c’è stata con l’attribuzione di nuove deleghe da parte dell’Autorità garante per le comunicazioni nazionale, questo ha significato nuove competenze, risorse aggiuntive e soprattutto tante opportunità in più per il territorio. Il presidente Agcom Corrado Calabrò venne in Abruzzo per sottoscrivere la convenzione con la Regione. È stata la prima volta che le deleghe venivano firmate sul territorio e non nella sede centrale a Roma. Da quel momento non ci siamo mai fermati. Il Corecom ha rafforzato e formato una struttura di professionisti in grado di rispondere a tutte le sollecitazioni del settore. Abbiamo raggiunto dati record per le conciliazioni e per le problematiche relative alla telefonia: 20 mila cittadini e imprese ogni hanno ci contattano per chiedere informazioni, consiglio per risolvere direttamente con noi il loro problema. Solo nel 2016 abbiamo trattato 6000 conciliazioni: le compagnie telefoniche hanno restituito 3 milioni di euro ai cittadini abruzzesi. Abbiamo fatto scuola: i rappresentanti dell’Autority per la Comunicazione del governo della Thailandia sono venuti a studiare le nostre migliori pratiche. Abbiamo sottoscritto un protocollo con la Rai per i programmi dell’accesso ad associazioni di volontariato e del terzo settore. Abbiamo istituito il primo “Villaggio della comunicazione e dell’innovazione tecnologica” inaugurato dal presidente del Consiglio Renzi. Abbiamo creato la prima “mappatura” dei siti e portali dell’informazione on line abruzzesi. Non dimentico la gestione di tutta la fase del passaggio dalla tv analogica a quella digitale. Siamo riusciti a trovare 1 milione di euro per gli investimenti in tecnologia digitale e a finanziare una campagna di comunicazione efficace per la popolazione».

Avete anche riservato molta attenzione al cyberbullismo e al sociale…
«Sì, è un aspetto di cui vado fiero. Abbiamo aperto il primo sportello on line dedicato alla web reputation e al cyberbullismo e promosso il progetto “Meducation”, grazie al quale abbiamo formato 250 insegnanti sulle nuove tecnologie e i rischi e le opportunità della rete. Abbiamo pensato anche ad un manuale di facile accesso per le famiglie, “Facebook, genitori alla riscossa” e un libro a fumetti dedicato ai ragazzi, “Naviganti allerta”. Poi ci siamo “inventati” il filone “Comunicare il sociale”: due docufilm con i ragazzi down e gli anziani delle case di riposo. Da poco abbiamo prodotto sei documentari sul territorio abruzzese dal titolo “La memoria lunga”, uno strumento per favorire la conoscenza del patrimonio culturale montano e rurale d’Abruzzo. Abbiamo anche raccontato il sisma con gli occhi dei bambini, con il docu-film “I cartoni mi piacciono di più”».

Lei è stato presidente del coordinamento nazionale Corecom per ben due anni, cosa ha significato per lei e per l’Abruzzo questo ruolo?
«È stato un riconoscimento ufficiale, non solo per il lavoro svolto dalla mia squadra, ma anche per tutto l’Abruzzo, che ha partecipato, da protagonista, ai tavoli nazionali in cui si concertano scelte strategiche che hanno ricadute su tutti i cittadini. Per me è stata una vera emozione: il nostro lavoro in Abruzzo è stato apprezzato a tal punto che 16 regioni italiane hanno deciso di votarmi a presiedere tutti i Corecom d’Italia. E poi, nel 2013, la gioia più grande, la rielezione al secondo mandato, con il voto unanime di tutte le regioni. I Corecom grazie alla nuova governance hanno raggiunto la cifra record di 100 mila conciliazioni l’anno e 35 milioni di indennizzi ai cittadini da parte delle compagnie telefoniche per i problemi della telefonia e lo sblocco dei contributi ministeriali alle tv locali dopo anni di ritardi. Per me questo ruolo ha rappresentato una fase di grande crescita umana e professionale: ho avuto modo di visitare tutte le Regioni italiane, lavorando a stretto contatto con grandi professionisti della comunicazione, con i direttori generali dei Consigli regionali, con i presidenti delle assemblee legislature e con tutti gli uomini di governo che si sono succeduti al Ministero dello Sviluppo economico e a quello delle Comunicazioni, mi sono rapportato con i vertici Rai e di tutte le altre Tv italiane. Ho avuto anche la possibilità di partecipare da relatore ad importanti eventi internazionali che si sono svolti a Mosca e Berlino. Questa esperienza mi ha regalato anche il momento più emozionante della mia vita, che porterò sempre nel mio cuore: l’udienza di tutti i presidenti dei Corecom italiani con il Santo Padre Papa Francesco in Vaticano. Ho avuto l’onore di essere confessato direttamente da Lui».

Obiettivi per il futuro?
«I Corecom dovranno avere un ruolo strategico nella lotta al cyberbullismo, utilizzando gli strumenti che hanno sviluppato in questi anni: la formazione continua di docenti, genitori e giovani e proseguendo l’azione di sensibilizzazione che ha già avviato nelle scuole. Avranno anche il compito di essere al passo con i repentini mutamenti delle tecnologie, della rete e della comunicazione in generale. Banda larga, fibra ottica e 5G saranno le nuove autostrade. Se saremo in grado di utilizzarle al meglio, aiuteremo la nostra regione ad essere meno isolata e più competitiva. La nostra prossima sfida sarà anche quella di avviare collaborazioni con altre Autorità indipendenti, come quella per la Privacy e per Energia e Gas, estendendo la possibilità di risolvere le controversie attraverso le conciliazioni anche ad altri ambiti».

 

 

 

 

 

 

in copertina05 Aprile 2017

La Proxicad sfida il mercato europeo

Guidata da Ettore Bonora, la Proxicad srl opera da 16 anni nei diversi ambiti dell’engineering e dell’outsourcing, fornendo progetti e prodotti nei settor   CONTINUA
in copertina14 Dicembre 2016

Di Martile Assicurazioni, un'azienda solida e di successo

L’agenzia di consulenza assicurativa con sede a Pescara, l’anno prossimo compirà 50 anni di attività. Alla guida, i fratelli Alessandro e Francesco Di M   CONTINUA
in copertina13 Settembre 2016

Studio Legale Riario Sforza: «Affianchiamo le aziende in Italia e all'estero»

Lo studio fondato dall’avvocato Marco Riario Sforza è specializzato in diritto civile e commerciale oltre che nel settore dell’internazionalizzazione in   CONTINUA
in copertina05 Luglio 2016

Barbuscia Auto rifà il look della Opel

Nel 2020 compirà un secolo di vita; parliamo della presenza nel settore automotive della famiglia Barbuscia, cui fa capo un gruppo di aziende fra le più imp   CONTINUA
in copertina09 Maggio 2016

Abruzzo Impresa, 100 volte insieme

La rivista del manager ideata da Fabio de Vincentiis è nata nel maggio 2006. Da allora tanta strada è stata fatta, ripercorriamo insieme questa splendida av   CONTINUA
in copertina23 Febbraio 2016

Pentadvisory, pronti all'impresa!

Creare valore per il cliente e per la sua impresa è la mission di Pentadvisory S.r.l., la società di consulenza, altamente specializzata e strategica, che a   CONTINUA
in copertina14 Dicembre 2015

Sublimondo: «Personalizzazione e relationship: il segreto di un'agenzia viaggi di successo»

L’agenzia di Pescara che vanta oltre 25 anni di esperienza nel settore viaggi, opera nel Business Travel e nel Leisure d’élite. Punto di forza di Sublimo   CONTINUA
in copertina29 Ottobre 2015

Gruppo Go Infoteam: «Così creiamo il tuo vantaggio competitivo»

L’azienda nata a Pescara opera nel panorama nazionale dell’Information Technology. I mondi della tecnologia e del business stanno convergendo, obiettivo d   CONTINUA
in copertina11 Settembre 2015

Incaconsult, con lo sguardo verso il futuro

Da 32 anni la società si rivolge alle piccole e medie imprese fornendo loro una consulenza a 360°. A coordinare un team di 40 professionisti ci sono oggi: E   CONTINUA
in copertina18 Giugno 2015

DS SERVICE: partner ideale per la gestione del tuo credito

Questa dinamica azienda nasce ufficialmente nel 2010 a Spoltore dall’esigenza di far confluire in una unica entità la grande esperienza sul campo da parte   CONTINUA