Instagram Facebook Youtube #abruzzoimpresa
AccediAccedi

Slow Food Italia: parte da Guardiagrele il futuro dell’associazione

Dal 16 al 18 novembre, il cammino del nuovo Consiglio nazionale prenderà forma proprio a Guardiagrele

A cura della redazione

Parte da Guardiagrele dal 16 al 18 novembre, il cammino del nuovo Consiglio nazionale di Slow Food Italia eletto a Montecatini durante il congresso nazionale che ha riscritto le regole e le prospettive dell’associazione della Chiocciola. Il Consiglio nazionale è l’organo di direzione politica dell’associazione, cioè ne definisce le scelte e le linee strategiche. Quello ospitato nello splendido borgo ai piedi della Majella è il «Primo appuntamento in cui potremo entrare nel merito delle decisioni politiche, cominciare quel percorso di ridefinizione della governance dal respiro internazionale che è al centro del mandato che traghetterà l'associazione al 2020. Sarà una prima occasione in cui sperimentare il nuovo ruolo che il Consiglio nazionale è chiamato ad assumere», dichiara il Comitato esecutivo di Slow Food Italia. Parole che sottolineano l’importanza di questo incontro in cui si inizieranno a delineare le linee guida per rispondere alle principali sfide dei prossimi anni: la necessità di battersi affinché a tutti sia garantito l’accesso al cibo buono, pulito, giusto e sano; l’accesso alla conoscenza come un diritto comune e stessa dignità per saperi tradizionali e accademici; il rifiuto di qualunque esclusione di carattere politico, economico e sociale; la salvaguardia dell’ambiente come principale priorità del nostro agire anche grazie a campagne di informazione e sensibilizzazione; la necessità di ribadire che la diversità è la più grande ricchezza di cui disponiamo come esseri umani e come collettività; la volontà di affrontare a tutti i livelli l’iniqua spartizione delle ricchezze e delle opportunità.

 

«In linea con il percorso avviato a Chengdu – sottolinea il Comitato esecutivo -, che auspica una associazione più orizzontale e liquida, il Consiglio nazionale dovrà avere un ruolo fondamentale nell'assicurare, non solo lo scambio di informazioni, visioni, progettualità da e verso la rete internazionale, da e verso la rete locale, ma anche verso l'inclusione e verso il diffondersi della rete, perché una delle più grandi sfide che ci attende è fare comunità essendo comunità». Il Consiglio nazionale è composto da 40 dirigenti di Slow Food provenienti da tutte le regioni d’Italia.

 

«Ospitare il Consiglio nazionale di Slow Food a Guardiagrele – puntualizza l’assessore Piergiorgio Della Pelle - è la conferma del ruolo che la nostra Città sta assumendo a livello nazionale e internazionale nell’ambito dell’enogastronomia di qualità e della vita slow. Nel 2015 la Commissione europea ci ha riconosciuti come Città E.D.E.N. per “Gastronomia e Turismo”, da lì in poi grazie alle realtà d’eccellenza nell’ambito del food presenti sul territorio, dalla ristorazione alla produzione, stiamo continuando a lavorare sulla promozione e sulla valorizzazione dell’intero comprensorio turistico della Majella orientale».

Nella direzione della valorizzazione del ricco e qualitativamente valido patrimonio gastronomico e di coltura materiale del comprensorio della Majella va la firma di un protocollo tra Slow Food Majella e il comune di Guardiagrele che si terrà venerdì alle 11 presso nella sala del consiglio comunale. Orti nelle scuole, Mercati della Terra, manifestazioni, incontri a tema con studiosi conosciuti internazionalmente, manifestazioni e appuntamenti conviviali, sono solo alcuni dei punti previsti nel protocollo per il prossimo anno.

Un interessante anticipo di queste iniziative è Oppe'lamajell che sabato 17 a partire dalle 16 sino a tarda sera animerà le vie del paese di Guardiagrele con mercati dei produttori locali, incontri gastronomici, musica, momenti formativi pensati per bambini e molto altro ancora sempre all’insegna del buono della Majella. Tre giorni dove Slow Food Italia guarda con forza al futuro. Per questo facciamo nostro l’augurio contenuto in una frase scolpita su un muro di Guardiagrele: “La Maiella Madre che vi guarda e vi benedice in eterno”.

 

Slow Food per questa tre giorni vuole ringraziare il comune di Guardiagrele e la condotta Slow Food della Majella. Inoltre: pizzeria La Sorgente, ristoranti Villa Maiella, Fuori Comune, Santa Chiara, La Grotta dei Raselli, trattoria La Cantina del Tripio, macelleria di Romantino, Francesco&Valeria e pasticceria Lullo Emo. Hanno collaborato: le cantine vinicole Masciarelli, Santoleri Vini, Tommaso Masciantonio e Il Feuduccio; i birrifici Maiot e Maiella; farine Az Terra Nobile, farine Casino di Caprafico, olio Tommaso Masciantonio Trappeto Caprafico e azienda agricola Mario Verna; locanda Maja, Romantico Rifugio, Domvs Tripiana, Casa Faricciola, il Torrione, il Mulino, Villa Maiella, Guest House dei Raselli e il Sole e la Luna; Bar Fil, caffè pasticceria D’Ottavio, caffetteria del Corso, Caff&Mercato e bar Fuori Comune. Sponsor e partner: GelDì spa, Intec Rotors, Abruzzo Consulenze srl, Cams spa, Nikita srl, Colore Pastello, KilometroZero e Easy Abbigliamento.

 

 

 

 

  

 

Continua a leggere in Eventi & Convegni...

Come aiutare gli altri ad apprezzare una tua idea, un bene, un talento

È il tema della MasterClass che si terrà domani 13 dicembre all'Aurum di Pescara

Continua a leggere...

Leroy Merlin apre al pubblico un nuovo showroom

Con lo spazio espositivo e ispirazionale, 14 assunzioni a San Giovanni Teatino

Continua a leggere...

I 40 anni di Citigas!

Un’azienda orientata al futuro, in continuo dialogo con il territorio, questo è stata Citigas...

Continua a leggere...
Cover Story Cover Story

Mercadante Truck, la forza di una famiglia da 92 anni

Scopri di più...